?>

Altro che Covid-2019 , il mondo affronta la "pandemia più silenziosa" dell'inquinamento atmosferico

Altro che Covid-2019 , il mondo affronta la

Circa due terzi delle morti premature sono attribuibili all'inquinamento atmosferico causato principalmente dall'uso di combustibili fossili, secondo uno studio del Max Planck Institute de dell'Università di Mainz.

(ABNA24.com) Gli studiosi del Max Planck Institute e dell'Università di Mainz affermano che il pianeta sta affrontando una pandemia silenziosa di "inquinamento dell'aria" che accorcia la vita delle persone in tutto il mondo con un'incidenza molto maggiore rispetto alle guerre e rispetto ai virus, secondo uno studio pubblicato sulla rivista Cardiovascular Research.

Grazie a un nuovo metodo per modellare gli effetti di varie fonti di inquinamento atmosferico sui tassi di mortalità, gli scienziati hanno stimato che l'inquinamento atmosferico ha causato quais 9 milioni di morti premature nel 2015 in tutto il mondo, il che significa una riduzione media nell'aspettativa di vita di quasi tre anni in tutto il mondo. "Poiché l'impatto dell'inquinamento atmosferico sulla salute pubblica, in generale, è molto maggiore del previsto ed è un fenomeno mondiale, riteniamo che i nostri risultati dimostrino che esiste una" pandemia di inquinamento atmosferico "", ha affermato Thomas Münzel, uno degli autori dello studio. Dopo aver esaminato l'impatto dell'inquinamento atmosferico su varie categorie di malattie, come infezioni respiratorie acute, malattie polmonari ostruttive croniche, cancro ai polmoni, malattie cardiovascolari, ipertensione e diabete, gli specialisti hanno concluso che i disturbi di tipo le malattie cardiovascolari sono responsabili della maggior parte dei decessi prematuri a causa dell'inquinamento atmosferico e del  43% della perdita di speranza di vita in tutto il mondo. Secondo i dati dello studio, circa il 75 percento delle morti attribuite all'inquinamento atmosferico in tutto il mondo si verificano in persone con più di 60 anni. All'altra estremità del tavolo per età, la maggior parte dei decessi sono registrati tra i bambini sotto i cinque anni.  Lo studio conclude che la perdita di speranza di vita dovuta all'inquinamento atmosferico compete con l'effetto del fumo di tabacco e supera di gran lunga le altre cause di morte. "L'inquinamento atmosferico supera la malaria come causa mondiale di morte prematura di un fattore 19; violenza di un fattore 16, HIV / AIDS di un fattore 9, alcol a un fattore 45 e abuso di droghe per un fattore di 60 ", sottolinea il co-autore dello studio Jos Lelieveld. Gli autori hanno operato una distinzione tra l'inquinamento atmosferico provocato dall'uomo e l'inquinamento da fonti naturali come la polvere del deserto e le emissioni di incendi boschivi, che non possono essere evitati.  Secondo i risultati dello studio, circa due terzi delle morti premature sono attribuibili all'inquinamento atmosferico causato dall'uomo, principalmente a causa dell'uso di combustibili fossili . "Cinque milioni e mezzo di morti in tutto il mondo sono potenzialmente prevenibili ogni anno", ha osservato Münzel. I ricercatori stimano che se l'inquinamento atmosferico fosse ridotto eliminando le emissioni di combustibili fossili, l'aspettativa di vita media in tutto il mondo aumenterebbe di poco più di un anno e di quasi due anni se tutte le emissioni da origine umana.


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*