?>

Cina: Lituania non ha mai parlato per la sicurezza dei suoi diplomatici a Pechino

Cina: Lituania non ha mai parlato per la sicurezza dei suoi diplomatici a Pechino

Pechino - La Lituania non si è mai rivolta al governo cinese per discutere ...

ABNA24 – della questione della sicurezza personale in Cina. Lo ha affermato il portavoce del Ministero degli Esteri cinese, Wang Wenbin, dopo che gli ambasciatori e il resto della delegazione diplomatica della Lituania hanno lasciato la Cina in tutta fretta, con i collaboratori che hanno motivato la decisione parlando di «preoccupazioni relative alla sicurezza» e di «intimidazioni».  

Preoccupazioni che lo stesso Wenbin  ha definito "infondate" e "puramente fittizie»".

Lo riferisce l'IRIB. Questo mentre il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha detto ai giornalisti che "le autorità cinesi hanno informato i diplomatici che i loro documenti d'identità presto non sarebbero più stati validi".

Intanto, una portavoce del Presidente lituano ha dichiarato all'emittente pubblica lituana (LRT) che il Paese chiederà aiuto ai leader europei: «Il Presidente parlerà con i leader dell'Ue riguardo alla pressione che affrontiamo», in modo da chiarire il conflitto «ai partner europei» e da discutere su come «la Commissione europea potrebbe aiutare la Lituania».

La Cina, lo ricordiamo, è in pieno conflitto con la Lituania da quando, il mese scorso, il Paese baltico ha concesso l'apertura di un ufficio di rappresentanza nella capitale, Vilnius. di Taiwan che Pechino considera parte del suo territorio.

Sempre scondo il portavoce cinese, la Lituania non si è mai rivolta alla Cina per discutere della questione della sicurezza personale: "Se la Lituania non affronta la realtà, e si sottrae invece alle proprie responsabilità, non fa altro che peggiorare ancor più le relazioni bilaterali tra i due Stati", ha aggiunto Wang.

342/


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*