?>

Egitto e il dramma dei diritti umani, costruisce prigione per 20mila detenuti

Egitto e il dramma dei diritti umani, costruisce prigione per 20mila detenuti

IL CAIRO-Il ministero dell’Interno egiziano sta attualmente costruendo un nuovo complesso carcerario nel Sinai, a nord-est del Paese, sufficiente per ospitare 20mila detenuti.

ABNA24 : La notizia arriva tra le continue richieste di rilascio di decine di migliaia di prigionieri politici detenuti nelle carceri dell’Egitto da quando il presidente Abdel Fattah el-Sisi è salito al potere nel 2013.

Mada Masr, un sito web di notizie egiziano indipendente, ha citato due fonti affermando che la nuova prigione si trova nella zona di al-Jafjafah nel Sinai centrale e che la sua costruzione è iniziata nell’agosto dello scorso anno. Il progetto è supervisionato dall’Autorità di ingegneria delle forze armate.

Il complesso carcerario è in costruzione in un’area che in precedenza era un uliveto di proprietà della gente del posto. Le informazioni sono state verificate da Mada Masr, che ha ottenuto progetti e perizie ingegneristiche eseguite su richiesta dell’esercito.

Il complesso carcerario comprenderà quattro carceri normali e due carceri di massima sicurezza, con una capacità totale di 20.064 detenuti. Il rapporto ha aggiunto che il design della prigione sarà simile al complesso carcerario di Wadi el-Natrun, che Sisi ha annunciato a settembre come la più grande prigione del Paese.

Lo scorso anno, Sisi aveva dichiarato a un canale televisivo che la prigione di Wadi al-Natrun sarebbe stata “una prigione completamente in stile americano” a cui seguiranno “sette o otto” altri progetti simili in tutto l’Egitto.

“Il prigioniero nel complesso sconterà la sua pena in modo umano: godrà di movimento, sussistenza, assistenza sanitaria, umanitaria, culturale e riformatrice”, ha dichiarato Sisi in un commento alla stampa. La dichiarazione ha innescato una reazione tra gli attivisti che hanno documentato il deterioramento delle condizioni dei diritti nelle carceri da quando è salito al potere.

La prigione di Wadi al-Natrun è stata seguita a gennaio dall’inaugurazione del complesso carcerario di Badr, chiamato “Centro di correzione e riabilitazione” nella città di Badr, 65 chilometri a est del Cairo. L’amministrazione di Sisi ha costruito più di un terzo delle attuali carceri del Paese, stimate in 81.(ilfarosulmondo)

342/


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*