?>

Egitto si appella alla Cina per cercare di risolvere lo stallo sulla GERD

Egitto si appella alla Cina per cercare di risolvere lo stallo sulla GERD

IL CAIRO-L’Egitto sta tentando una nuova strada politica per convincere l’Etiopia a firmare un accordo legalmente vincolante sulla Grand Ethiopian Renaissance Dam (GERD), l’imponente diga in costruzione sul fiume Nilo Azzurro.

ABNA24 : Lo fa avvicinandosi ad uno dei più stretti alleati di Addis Abeba, la Cina. Gli esperti hanno iniziato a valutare positivamente l’eventualità di un intervento cinese nella risoluzione della questione GERD dopo un incontro tra il ministro degli Esteri della Cina, Wang Yi, e il presidente egiziano, Abdel Fattah al-Sisi, il 18 luglio, nella città costiera nordoccidentale di Alamein. In tale occasione, al-Sisi aveva ribadito: “L’Egitto è incrollabile nella sua determinazione a proteggere il diritto storico alla propria quota di acqua dal Nilo”. Per Al-Sayed Mustafa Kamel al-Sayed, professore di scienze politiche all’Università del Cairo, va osservato che “l’intervento cinese può arrivare sotto forma di consiglio, non di pressione sul governo etiope, con l’obiettivo di porre fine allo stallo nei negoziati sulla diga”. La Cina, infatti, investe molto in Etiopia. Considera il Paese dell’Africa orientale un hub per la sua Belt and Road Initiative, che mira ad espandere la sfera di influenza di Pechino attraverso finanziamenti infrastrutturali in tutto il Sud del mondo.(sicurezzainternazionale.luiss.it)

342/


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*