?>

Hezbollah lotta per salvare il Libano

Hezbollah lotta per salvare il Libano

Il capo del Consiglio Esecutivo di Hezbollah, Sua Eminenza Sayyed Hashem Safieddine, ha affermato che era naturale che Hezbollah si assumesse la responsabilità e facesse tutto il possibile per salvare il Paese.

“Siamo sinceri sul fatto che quella che sta attraversando il Libano è una situazione pericolosa, non perché il Libano sia in bancarotta, ma perché volevano che indossasse la veste della bancarotta. Le potenzialità e le risorse ci sono”, ha dichiarato Safieddine.

Il funzionario libanese ha espresso i suoi commenti durante un simposio educativo sulla formazione a distanza e integrata che è stato sponsorizzato e ospitato dalla Fondazione islamica per l’istruzione.

Sayyed Safieddine ha affermato: “Stiamo parlando di creatività e sviluppo in un Paese che uccide la creatività, sebbene in Libano ci siano individui creativi. Tuttavia, una delle creazioni più importanti dei libanesi è la creatività nella corruzione, nella rovina e nell’essere agenti per attori stranieri. Questa è creatività nel suicidio”.

 “Purtroppo, il Paese in cui viviamo con i nostri partner sta vivendo una grande crisi e dico francamente che non c’è tempo per risolvere tutte le crisi che si sono accumulate negli anni e che possono aggravarsi. Il coronavirus non è l’unica cosa che produce mutazioni virali. La crisi in Libano sta producendo una corruzione mutata e oggi stiamo vivendo con una corruzione libanese mutata 2021″, ha aggiunto il capo del Consiglio esecutivo di Hezbollah.

 “Le soluzioni esistono nonostante tutto, e l’unica condizione per queste soluzioni è che i libanesi si uniscano e credano di essere in grado di trovare una soluzione”, ha sottolineato Sayyed Safieddine.

“Non ci siamo dimessi dalle nostre responsabilità, ma abbiamo dato opportunità e stiamo ancora dando opportunità di soluzioni. Siamo ancora in un momento in cui possiamo salvare il Libano prima della grande catastrofe”.

Sayyed Safieddine ha espresso la convinzione di Hezbollah che gli Stati Uniti siano i primi responsabili di ciò che sta accadendo senza dimenticare la corruzione interna e le scelte sbagliate. “Ma la maggior parte di coloro che hanno adottato queste pratiche sono americani e sono venuti nel contesto dello stesso progetto americano”, ha aggiunto.

Sua Eminenza ha anche sottolineato la necessità che i libanesi sappiano chi è responsabile della loro crisi e che ritengano gli Stati Uniti responsabili delle conseguenze. Ha inoltre chiesto agli Stati Uniti di assumersi la responsabilità della distruzione di Paesi e popoli.(ilfarosulmondo.it)

342/


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*