?>

L'Iran preoccupato per la situazione dei rifugiati in Afghanistan

L'Iran preoccupato per la situazione dei rifugiati in Afghanistan

Tehran - La Repubblica islamica ha espresso preoccupazione per la ...

ABNA24 – difficile situazione dei rifugiati afghani con l'arrivo  della stagione fredda.

Saeed Khatibzadeh, portavoce del ministero degli Esteri iraniano, ha dichiarato ieri in una conferenza stampa settimanale che, in risposta alla domanda di un giornalista sulla situazione invernale dei rifugiati e dei migranti afgani, tutte le autorità iraniane erano a conoscenza della difficile situazione degli afghani. 

Questo mentre l'Iran accoglie un gran numero, da 4 a 5mila rifugiati che arrivano ogni giorno dall'Afghanistan nel territorio della limitrofa repubblica dell'Iran. 

L'organizzazione non governativa norvegese NRC (Consiglio norvegese per i rifugiati), che opera in Iran, di recente ha avvertito che, l'Iran ha bisogno di maggiore sostegno internazionale per gestire questi flussi.

"Stando a fonti locali, da 4 a 5mila afghani scappano in Iran su base quotidiana attraverso valichi di frontiera non ufficiali. NRC si trova in Iran e sostiene questi afghani, e centinaia di migliaia di altri che si nascondono in questo paese da molto più tempo, alcuni da decenni", si legge in una nota rilasciata dall'ong.

L'organizzazione ritiene che il numero dei profughi che tentano di attraversare il confine con l'Iran potrebbe aumentare drasticamente con l'arrivo dell'inverno, con temperature anche al di sotto dello zero, in Afghanistan.

Agli inizi di agosto, i talebani hanno intensificato l'offensiva contro le forze governative afghane. Il 15 agosto, i ribelli sono entrati a Kabul e il giorno dopo hanno dichiarato la fine della guerra.

Durante le ultime due settimane di agosto, dall'aeroporto di Kabul, controllato dall'esercito americano, c'è stata un'evacuazione di massa di cittadini dei paesi occidentali e degli afghani che hanno collaborato con le missioni straniere.

342/


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*