?>

Pechino: la nuova crisi finanziaria globale potrebbe essere il domino di Evergrande

Pechino: la nuova crisi finanziaria globale potrebbe essere il domino di Evergrande

Il gruppo immobiliare cinese Evergrande, a corto di liquidità, ha dichiarato il 14 settembre di aver assunto dei consulenti per esaminare le sue opzioni finanziarie e di aver avvertito dei rischi di inadempienza in mezzo al crollo delle vendite di immobili, facendo calare bruscamente i prezzi delle sue azioni e obbligazioni.

ABNA24 : Il gigante immobiliare cinese riporta ATF, ha dovuto faticare per trovare i fondi di cui ha bisogno per pagare i creditori e i fornitori, con i regolatori e i mercati finanziari preoccupati che qualsiasi crisi potrebbe propagarsi attraverso il sistema bancario cinese e potenzialmente innescare un più ampio disordine sociale. Evergrande ha detto che due delle sue filiali non sono riuscite a sostenere gli obblighi di garanzia per 934 milioni di yuan di prodotti di gestione patrimoniale emessi da terzi. «Questo potrebbe portare ad un default incrociato, che avrebbe un effetto negativo materiale sul business del gruppo, le prospettive, la condizione finanziaria e i risultati delle operazioni», ha poi detto in una dichiarazione alla borsa di Hong Kong. Le azioni della società sono crollate a un minimo di sei anni a Hong Kong il 14 settembre e la borsa di Shanghai ha bloccato la negoziazione delle sue obbligazioni quotate tra le oscillazioni selvagge del suo prezzo. Evergrande ha detto che ha nominato Houlihan Lokey e Admiralty Harbour Capital come consulenti finanziari comuni, per la ristrutturazione. Ovviamente la liquidazione avverrebbe solo se la ristrutturazione fallisse. Evergrande ha detto che sta parlando con potenziali investitori per vendere alcuni dei suoi beni, ma non ha fatto alcun “progresso materiale” finora. Fondata nel 1996 dal presidente Hui Ka Yan a Guangzhou, Evergrande ha accelerato la sua crescita nell’ultimo decennio per diventare il secondo sviluppatore immobiliare più grande della Cina con 110 miliardi di dollari di vendite l’anno scorso. L’azienda si è quotata a Hong Kong nel 2009, dandole più accesso ai mercati del capitale e del debito per far crescere il suo patrimonio a 355 miliardi di dollari oggi. Ha più di 1.300 sviluppi in tutta la nazione, molti in città di provincia. Con il rallentamento del settore immobiliare, Evergrande si è anche ramificata in altre attività come le auto elettriche, il calcio, le assicurazioni e l’acqua in bottiglia. Gli investitori si sono preoccupati dopo che una lettera trapelata a settembre ha mostrato che Evergrande aveva chiesto il supporto del governo per approvare un piano di quotazione backdoor, avvertendo che doveva affrontare una crisi di liquidità. La banca centrale cinese ha evidenziato nel suo rapporto sulla stabilità finanziaria nel 2018 che le aziende tra cui Evergrande potrebbero rappresentare rischi sistemici per il sistema finanziario della nazione. Le passività di Evergrande coinvolgono più di 128 banche e oltre 121 istituzioni non bancarie, secondo la lettera che Evergrande ha inviato al governo alla fine dello scorso anno. JPMorgan ha stimato la scorsa settimana che la China Minsheng Bank ha la più alta esposizione verso Evergrande. I ritardi nei pagamenti potrebbero innescare inadempienze incrociate, dato che molte istituzioni finanziarie sono esposte a Evergrande attraverso prestiti diretti e partecipazioni indirette attraverso diversi strumenti finanziari. Se questo avvenisse si scatenerebbe un effetto domino dagli esiti imprevedibili.

342/


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*