?>

Turchia riprende ad armare i terroristi di Idlib

Turchia riprende ad armare i terroristi di Idlib

ANKARA-Nelle ultime settimane, la Turchia ha iniziato a inviare equipaggiamenti e armi nella provincia siriana di Idlib.

ABNA24 – Decine di camion carichi di armi e forniture logistiche, tra cui batterie di artiglieria pesante, munizioni anticarro e veicoli per il trasporto di personale, hanno attraversato il valico di frontiera di Bab Al-Hawa. Il carico, riferiscono i media siriani, è stato consegnato a gruppi terroristici a Idlib. Ma cosa sta cercando Ankara dietro nuove forniture di armi ai terroristi a Idlib? 

Indubbiamente, uno degli obiettivi principali della Turchia dietro l’invio di armi nel nord della Siria è quello di coprire il suo recente fallimento nell’attaccare nuove aree nel nord della Siria. Negli ultimi mesi sono circolate voci di un imminente nuovo round di azione militare turca nelle aree di Tal Rifat, Sri Kani e Tel Abyad. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha sollevato la questione al vertice del G20 con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. 

Naturalmente, il piano ha incontrato l’opposizione schietta di Washington. Inoltre, Mosca ha dichiarato la sua opposizione a qualsiasi nuovo attacco turco alle aree controllate dalle Forze Democratiche Siriane (Sdf) a maggioranza curda. Ancora di più, i caccia statunitensi hanno recentemente attaccato le posizioni delle forze di Tahrir Al-Sham, affiliate ad Al-Qaeda e appoggiate dalla Turchia, nella provincia di Idlib con il pretesto di combattere il terrorismo. 

Tuttavia, con le nuove forniture di armi a Idlib, è possibile che, in primo luogo, Ankara voglia realizzare i suoi piani espansionistici attraverso i suoi delegati sul campo, e in secondo luogo riparare il suo prestigio politico e militare.

Come risultato delle equazioni politiche, diplomatiche e di campo della Siria negli ultimi due anni, è diventato chiaro per Ankara che non avrà posto nel futuro della Siria. Gli standard di diritto internazionale e gli equilibri di potere in Asia occidentale e Nord Africa confermano che il ritorno dei territori occupati dalla Turchia e dei suoi delegati al governo centrale siriano è inevitabile. In tale situazione, la Turchia intende dirigere le equazioni sul campo siriano in linea con i suoi obiettivi inviando nuove armi e forze nella provincia di Idlib.

La realtà è che Ankara e altri attori siriani riconoscono che qualsiasi conflitto nella provincia di Idlib, data la grande popolazione e la significativa presenza di gruppi takfiri, potrebbe innescare una grave crisi umanitaria. Pertanto, le potenze regionali e internazionali stanno cercando di risolvere la crisi di Idlib attraverso la diplomazia e negoziati. Consapevole di ciò, la Turchia sta ora cercando di mantenere la sua carta vincente nelle equazioni siriane rafforzando i gruppi terroristici che sostiene a Idlib. (ilfarosulmondo)


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*