?>

Usa, prima erano 11, poi 34, 50 e adesso sono 64 i soldati feriti dall'attacco Iran

Usa, prima erano 11, poi 34, 50 e adesso sono 64 i soldati feriti dall'attacco Iran

WASHINGTON-Questa volta il numero di militari statunitensi feriti dall'attacco di rappresaglia dell'Iran contro una base americana in Iraq sale a 64.

(ABNA24.com) A 64 militari statunitensi è stato diagnosticato un trauma cranico in seguito all'attacco missilistico dell'Iran dell'8 gennaio contro la base di Ain Al-Asad in Iraq hanno riferito ieri due funzionari della difesa degli Stati Uniti alla CNN .

Questa è la quarta volta che funzionari statunitensi esaminano il numero di truppe che ricevono cure per lesioni cerebrali traumatiche dovute all'attacco. A partire da lunedì scorso, a 50 soldati statunitensi erano stati diagnosticati con lesioni cerebrali, secondo le informazioni fornite dal Pentagono.

 Sono stati segnalati più casi nei 22 giorni successivi all'attacco, poiché continuano le valutazioni mediche di quasi 250 persone, ha aggiunto la CNN .

In seguito all'annuncio della CNN, Thomas Campbell, un portavoce del Pentagono ha confermato il numero indicando quello di questa cifra, 39 sono tornati in servizio; Almeno 21 sono andati in Germania per "ulteriore valutazione e trattamento", e otto stanno ricevendo un trattamento negli Stati Uniti, come riporta Bloomberg .

 Il 30 gennaio il capo dello stato maggiore delle forze armate statunitensi, il generale Mark Milley, ha dichiarato che ci sono altri soldati americani feriti dall'attacco missilistico iraniano. “C'erano migliaia di persone nella base aerea di Ain Al-Asad. Tutte queste persone sono state esaminate e abbiamo verificato un numero (di feriti) e quel numero sta crescendo ”, ha spiegato.

 Poco dopo l'attacco dell'Iran, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump annunciò che "tutto andava bene". Il Pentagono, tuttavia, annunciò il 16 gennaio scorso che 11 dei suoi soldati erano stati feriti. La cifra  salì poco dopo, a "un numero maggiore  di soldati feriti",  poi a 34 , 50 e ora a 64.

 L'attacco fu una rappresaglia per l'omicidio degli Stati Uniti del generale Qasem Soleimani, comandante della forza Quds, avvenuto la mattina del 3 gennaio a Baghdad.


/129


Inviare il Vostro commento

Il Vostro indrizzo della posta elettronica non sara' pubblicata. Riempire le caselle segnate con *

*