AhlolBayt News Agency (ABNA)

source : Parstoday
sabato

1 giugno 2024

20:04:21
1462799

L'articolo di Newsweek: Fermate Iran! Repubblica islamica punta il rafforzamento dei paesi della costa africana.

Come altre pubblicazioni affiliate al Pentagono, il settimanale Newsweek ha accusato l'Iran della crisi dei paesi lungo la costa africana.

Secondo la rivista generalista americana, Newsweek, nel corso degli ultimi due anni, mentre gli Stati Uniti e l’Unione europea si sono dedicati al riavvio dell’accordo nucleare iraniano del 2015, Teheran ha deciso di consolidare il proprio approccio di politica estera non occidentale. In coerenza con questa direzione, l’Iran sotto amministrazione Raisi ha intrapreso un viaggio in tre Paesi africani a metà luglio 2023 (Kenya, Uganda e Zimbabwe), segnando la prima volta che un presidente iraniano intraprende una visita di tale portata da oltre 11 anni. L’impegno con l’Africa sarà uno dei principali obiettivi della politica estera durante l’Amministrazione Raisi.

Tuttavia, questo non rappresenta la prima volta che l’Iran adotta un approccio simile verso il continente. L’ex presidente Mahmoud Ahmadinejad ha attuato una politica simile dal 2005 al 2013, sebbene senza conseguire risultati significativi. Ciò solleva l’interrogativo se, a distanza di dieci anni, la politica africana di Raisi si dimostrerà più efficace.

Le radici di questo rinnovato impegno con l’Africa risiedono nel periodo successivo all’insediamento di Raisi nel 2021, durante il quale la leadership iraniana ha perseguito una strategia deliberata di rafforzamento dell’approccio di politica estera non occidentale. Raisi ha iniziato promuovendo relazioni più strette con Russia, Cina e Paesi dell’America Latina. A differenza della presidenza di Ahmadinejad, questa volta le potenze non occidentali hanno accolto con favore il cambiamento di politica estera di Teheran. L’Iran ha ottenuto l’adesione permanente all’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, e il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha affermato che i membri del gruppo Brics delle principali economie emergenti sono concordi nel sostenere l’adesione dell’Iran.

Inoltre, il sostegno in sede Onu dei Paesi africani è indispensabile ai mullah per evitare condanne e sanzioni. Il commercio tra Iran e Africa ha raggiunto 1,8 miliardi di dollari USA nei primi dieci mesi del 2023, registrando un aumento di valore del 22,4 per cento su base annua. Il Sudafrica è il principale partner commerciale con un aumento del commercio fino al 33,81 per cento, seguito da Mozambico e Ghana. Costa d’Avorio, Gibuti, Algeria, Egitto, Mauritania, Kenya e Tanzania sono le altre principali destinazioni commerciali.

Negli ultimi tre anni, l’Iran ha aumentato il numero di delegazioni commerciali in Africa, ha organizzato numerose mostre e ha tenuto diversi incontri della Commissione economica congiunta. Inoltre, come sottolinea l’analista Gauri Narain Mathur, l’Iran ha anche creato una serie di centri commerciali in tutta l’Africa nel 2023, due centri commerciali iraniani verranno creati in Uganda e Tanzania e una Technology House in Kenya. L’Organizzazione iraniana per la promozione del commercio ha anche istituito un ufficio generale per gli affari africani in Iran.

La rivista statunitense consiglia ai funzionari statunitensi e israeliani di intraprendere passi coraggiosi per contrastare l’empowerment di queste comunità e regioni prima che sia troppo tardi.

A causa della mancanza di potere interno, la regione del Sahel ha subito ingenti danni dalla presenza del colonialismo occidentale e dagli interventi americani, e questo ha creato molte instabilità dal 2020.

Mali, Burkina Faso, Guinea, Niger, Gabon, Ciad e Sudan hanno tutti assistito a colpi di stato o all’emergere di governi militari influenzati dall’eredità politico-economica del colonialismo.

Nonostante le sfide, questa eredità e gli interventi occidentali hanno anche consentito la nascita di falsi gruppi che abusano dei nomi e dell’identità islamica.

Prima di ciò, ad esempio, il regime israeliano era intervenuto in Sudan attraverso le istituzioni occidentali e ne aveva causato la disintegrazione. È interessante notare che questa pubblicazione, come altre pubblicazioni relative alle politiche del Pentagono, incolpava l’Iran per la crisi in questa parte dell’Africa.

Secondo Newsweek, il Sudan, sotto la guida di Abdul Fattah al-Barhan, attuale capo del Consiglio di sovranità sudanese, ha aderito all’accordo Ibrahim con Israele nell’ottobre 2020 in cambio della promessa di sostegno americano. Tuttavia, dopo che al-Barhan ha sciolto il consiglio direttivo del Sudan nel 2021, gli Stati Uniti hanno esercitato pressioni sul regime israeliano affinché non migliorasse le relazioni con Khartoum, e poi, stranamente, nel 2023 è scoppiata la devastante guerra civile sudanese.

Secondo l'editorialista di Newsweek, a causa della storia del trattamento del Sudan da parte dell'Occidente, Al-Barhan non ha altra scelta se non quella di rivolgersi a Teheran per ottenere assistenza in materia di sicurezza e l'assistenza necessaria.

Nel suo articolo, l'autore di Newsweek lascia intendere che l'Iran cerca di rafforzare la potenza del Niger nel campo della produzione di uranio. Naturalmente, l'autore sostiene anche che questo lavoro può servire al programma nucleare iraniano.

Un altro pericolo, cita l’articolo di Newsweek, sono gli sforzi simili da parte dell’Iran per approfondire i suoi legami con il Mali, il Burkina Faso e altri paesi del Sahel. Ciò non è auspicabile per il dominatore occidentale.

Inoltre, un'altra minaccia menzionata nell'articolo di questa pubblicazione americana è l'aiuto dell'Iran all'indipendenza economica del Ciad e della Mauritania.

È più interessante che l’autore di Newsweek, non solo per aver menzionato il nome del regime israeliano, abbia unito i nomi di Egitto e Arabia Saudita a questo regime e abbia affermato che l’Iran rappresenta una minaccia per tutti e tre.

Sin dai tempi del dottor Raisi, l'Iran ha posto seriamente nella sua agenda lo sviluppo e il rafforzamento delle relazioni con l'Arabia Saudita e l'Egitto.

L'articolo di questa testata, che a volte ha rivelato il suo allineamento con il Pentagono, chiede invece agli Stati Uniti e ai loro alleati, compreso Israele, di trovare modi per indebolire le relazioni della costa africana con altre regioni esterne al mondo occidentale come l'Iran, Cina e Russia, e attraverso questioni come la democrazia e i diritti umani aumentano la pressione su questi paesi.

L'autore di questo articolo per Newsweek è Ronen Levi, ex direttore generale del Ministero degli Affari Esteri israeliano e membro senior del Misgav National Security Institute e Asher Fredman, direttore del Misgav Institute.