AhlolBayt News Agency (ABNA)

source : Parstoday
sabato

1 giugno 2024

20:05:11
1462801

Gli Usa permetteranno al Giappone e alla Corea del Sud di sviluppare relazioni con la Cina?

Negli ultimi anni, gli Stati Uniti hanno sempre cercato di presentare la Corea del Nord come un pericoloso drago la cui intenzione è quella di bruciare il Giappone e la Corea del Sud, e con questa narrazione è riuscita a controllare la sicurezza e la gestione militare di questi due paesi.

I leader della Corea del Sud e del Giappone hanno recentemente cercato di ripristinare la cooperazione economica con la Cina, il loro principale partner commerciale, dopo anni di legami tesi, ma i loro colloqui rimangono limitati dall’entità dei permessi statunitensi a Corea e Giappone.

Il recente incontro tripartito è stato il primo in quattro anni e mezzo, con la presenza del presidente della Corea del Sud, del primo ministro del Giappone e del premier Li Keqiang, il secondo funzionario di grado più alto in Cina.

I colloqui si sono concentrati principalmente su questioni su cui è possibile trovare un terreno comune, come la protezione delle catene di approvvigionamento, la promozione del commercio e la cooperazione sulle sfide dell’invecchiamento della popolazione e delle malattie infettive emergenti. Sono state sollevate anche alcune questioni riguardanti questioni di sicurezza regionali come Taiwan e la Corea del Nord.

I tre paesi Giappone, Cina e Corea del Sud hanno concordato di espandere la cooperazione pratica in modo che i loro popoli possano trarne benefici. Cose che, ovviamente, richiedono l’acquisizione della Corea del Sud e del Giappone dall’America.

Nel frattempo alcuni media americani hanno cercato di creare una barriera psicologica per i decisori giapponesi e sudcoreani, sottolineando temi come la minaccia della Cina e della Corea del Nord.

Ad esempio, il quotidiano New York Times, in un articolo che cita la minaccia della Corea del Nord e inserisce titoli come il problema della democrazia in Cina, la riemersione di Mao, la crisi del fabbisogno di capitali in Cina e i problemi della Le aziende cinesi hanno cercato di convincere il pubblico giapponese e coreano che i vantaggi delle relazioni tra Giappone e Corea del Sud sono con la Cina, è per la Cina e il problema è per questi due paesi. Naturalmente, è chiaro che la Cina in definitiva vede la Corea del Nord come un attore contro le minacce dell’esercito americano e non come un attore che interviene nelle relazioni tra Corea del Sud e Giappone. Perché fondamentalmente la Corea del Nord non ha tale capacità.

Negli ultimi anni, l’America ha descritto la Corea del Nord come un pericoloso drago la cui intenzione è quella di bruciare il Giappone e la Corea del Sud, e con questa narrazione è riuscita a controllare la sicurezza e la gestione militare di questi due paesi. D’altro canto, la Cina ritiene che il problema sia una disputa politica e debba essere risolto con un linguaggio politico.

Inoltre, con la provocazione del Giappone e della Corea del Sud, l’America ha finora lanciato sensibili esercitazioni contro le presunte minacce della Corea del Nord e della Cina e ha concesso introiti elevati alle aziende americane produttrici di armi.

Il Giappone e la Corea del Sud insieme ospitano più di 80.000 soldati statunitensi sul loro territorio, il pretesto della loro presenza è la costante affermazione dell'America che la Cina e la Corea del Nord rappresentano una minaccia.

Due paesi che, a differenza dell’America, non hanno una storia di aggressioni almeno negli ultimi secoli. Ma secondo l'opinione di una parte dei politici giapponesi e sudcoreani, essi si sono resi conto dell'erroneità dei presupposti imposti dall'America e dall'Occidente e stanno cercando di rafforzare le loro relazioni di vicinato.

Questi vicini dell’Asia orientale, che insieme rappresentano oltre un quinto della produzione economica globale, hanno bisogno di stabilità e cooperazione regionale, soprattutto nella catena di approvvigionamento, per riprendersi dalla recessione economica post-pandemia.

La Cina ha accettato di riprendere i colloqui su un accordo di libero scambio tra i suoi tre vicini, sottolineando una maggiore cooperazione economica come mezzo per mantenere la pace e la stabilità regionale.

Ha presentato gli Stati Uniti come un intruso negli affari asiatici, facendo pressioni sul Giappone e sulla Corea del Sud affinché controllino lo sviluppo delle relazioni regionali basate sulla politica di vicinato. La Cina è una sostenitrice del mondo multipolare.