AhlolBayt News Agency (ABNA)

source : Parstoday
mercoledì

5 giugno 2024

20:28:33
1463571

Usa, si intensifica l’islamofobia con l’obiettivo di sostenere Israele

Il fenomeno dell'islamofobia negli Stati Uniti, essendo in chiara contraddizione con le libertà personali e sociali, comincia a spingere sempre di più i giovani americani a perdere la loro fiducia nei confronti del loro governo.

Nel Giorno del Ringraziamento del novembre 2024, a Burlington, in Vermont, tre studenti universitari di origine palestinese sono stati feriti da colpi di arma da fuoco mentre si recavano a una cena di famiglia. I tre giovani stavano camminando per strada quando l'uomo ha sparato loro ''senza parlare''. Due degli studenti sono in condizioni stabili, mentre un terzo ha ricevuto ''ferite più gravi'', ha spiegato la polizia. Gli inquirenti, secondo quanto riportano i media locali, seguono la pista del crimine d'odio.

I giovani colpiti sono Hisham Awartani, Tahseen Ahmed e Kinnan Abdalhamid, iscritti agli atenei Brown, Haverford e Trinity. Ciascuno di loro indossava la kefiah palestinese al momento dell'aggressione. Nel frattempo, il Comitato antidiscriminazione arabo-americano ha scritto su X di aver "motivo di credere che la sparatoria sia stata motivata dal fatto che i tre sono arabi", ricordando che indossavano la kefiah e parlavano arabo".

A questo proposito, il Middlebury College del Vermont ha descritto la sparatoria come prova di un "aumento significativo degli atti anti-islamici nei campus americani".

Elizabeth Price, la madre di Hisham, ha detto in un'intervista radiofonica di aver cresciuto tre figli in Cisgiordania, dove i bambini affrontano abitualmente la violenza israeliana e dei coloni, e che non avrebbe mai creduto che Hisham sarebbe stato un bersaglio negli Stati Uniti. 

Ha continuato dicendo che non pensava che essere palestinese negli Stati Uniti significasse essere insicuro.

L’islamofobia è senza dubbio un grave problema che affligge gli Stati Uniti e oltre. Si ritiene spesso che le vite dei musulmani siano davvero inutili perché quasi un milione di persone sono morte nelle guerre americane nell'Asia occidentale. Pertanto, le vite dei 36.000 palestinesi uccisi a Gaza, che sono per la maggior parte musulmani, non hanno alcun valore per gli Stati Uniti.

Negli Stati Uniti, i musulmani rimangono vulnerabili alla violenza e la loro sicurezza e il loro benessere continuano a essere minacciati, così come lo sono gli arabi e i palestinesi.

D’altro canto alcune istituzioni americane qualificano qualsiasi tendenza all’Islam quasi come antisemitismo.

I giovani americani che sono al centro degli odierni movimenti di protesta vedono in modo significativo la lotta per sconfiggere l'islamofobia come la base per ripristinare i diritti dei palestinesi. Questi giovani sanno anche che liberare gli Stati Uniti dai suoi pregiudizi anti-islamici significa liberare il popolo palestinese dalla sua oppressione.