AhlolBayt News Agency (ABNA)

source : Parstoday
lunedì

10 giugno 2024

16:39:00
1464655

Martire Amir-Abdollahian, Ministro degli Affari Esteri interessato alle questioni dell'Asia e della Palestina

Il martire Hossein Amir-Abdollahian, ministro degli Esteri iraniano, ha svolto un ruolo importante nel plasmare le campagne regionali a sostegno della Palestina fin dall'inizio dell'operazione 'Tempesta Al Aqsa'.

Il defunto ministro degli Esteri della Repubblica islamica dell'Iran, Hossein Amir-Abdollahian, è stato una figura influente nella politica estera iraniana a livello regionale e dell'Asse della Resistenza. L'analisi del suo ruolo di timoniere della politica estera iraniana negli eventi degli ultimi anni nella regione dell'Asia occidentale ha mostrato un ruolo attivo nel sostenere l'Asse della Resistenza, nel creare equilibrio e stimolare la politica estera dell'Iran dopo l'operazione 'Tempesta Al Aqsa' e nella difesa dei diritti del popolo palestinese.

Equilibrare la politica estera

Equilibrio nella politica estera dell'Iran significa utilizzare le capacità dell'Oriente e dell'Occidente mentre ci si confronta con le politiche unilaterali degli Stati Uniti in Asia occidentale. Il martire Amir-Abdollahian credeva nell'aumento del potere effettivo dell'Iran per costringere gli Stati Uniti a revocare le sanzioni. A suo avviso, l'Iran dovrebbe aumentare la sua influenza nei negoziati portando avanti il suo programma nucleare.

In un'intervista alla CNN nell'aprile 2024, ha criticato le politiche statunitensi, affermando: "Gli Stati Uniti e molti paesi occidentali perseguono una politica di applicazione di due pesi e due misure su varie questioni". Allo stesso tempo, è sempre stato aperto a cooperare con le parti che negoziano con l'Iran. "Se agiscono in modo equo, non diremo mai che non collaboreremo, è l'altra parte che deve correggere il suo corso", ha detto in un discorso nel dicembre 2021.

Politica di vicinato

Il martire Amir-Abdollahian considerava la politica estera dell'Iran basata sulla politica di buon vicinato e sulla centralità dell'Asia. Nella sua sessione di conferma in parlamento, ha detto: "La priorità della politica estera del governo è l'approccio orientato al vicinato e all'Asia, e il 21° secolo appartiene all'Asia. In Asia occidentale, cerchiamo di istituzionalizzare le conquiste dell'Asse della Resistenza, e in Oriente, cerchiamo di utilizzare le capacità delle potenze economiche emergenti per sviluppare le loro economie e il commercio internazionale".

Amir-Abdollahian: l'anello di congiunzione tra l'asse della resistenza

La priorità della regione nella politica estera dell'Iran ha indotto il martire Amir-Abdollahian, nel suo ruolo di ministro degli Esteri, a compiere grandi sforzi per risolvere i problemi della regione, ponendo l'accento sulla connessione tra gli eventi in Asia occidentale e la diplomazia. Uno dei motivi erano i suoi buoni rapporti con il defunto tenente generale Qassem Soleimani, comandante della Forza Quds, come forza di resistenza in Asia occidentale.

Sostegno globale alla Palestina

L'azione più importante del martire Amir-Abdollahian come ministro degli Esteri iraniano è arrivata di fronte alla guerra di Gaza del 2023 e agli attacchi del regime sionista contro il popolo palestinese. Ha notevolmente aumentato la mobilità della politica estera iraniana su questo tema e, a questo proposito, consultazioni, interviste, telefonate, richieste di riunioni di emergenza in organizzazioni e istituzioni pertinenti, tra cui l'Organizzazione della Cooperazione Islamica, l'Assemblea Generale, ecc. e la partecipazione a conferenze internazionali e regionali.

Fornire soluzioni reali

Alla riunione straordinaria del Consiglio dei ministri dell'Organizzazione della cooperazione islamica (OIC) a Jeddah nel marzo 2024, il ministro degli Esteri iraniano ha presentato sei proposte specifiche per impedire al regime sionista di intraprendere ulteriori azioni ad Al-Quds (Gerusalemme occupata), che erano:

1. Espellere il regime dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite e impedirgli di diventare membro di altri organismi.

2. La cessazione immediata del genocidio e dei crimini di guerra, il ritiro delle truppe del regime dalla Striscia di Gaza e maggiori aiuti umanitari in tutte le aree della Striscia di Gaza.

3. Sforzi per creare le condizioni per la possibilità di un alloggio temporaneo per coloro che hanno perso la casa.

4. Allestire ed equipaggiare ospedali e centri medici in tutta la Striscia di Gaza.

5. La necessità di trasferire i feriti gravi, i bambini e le donne al di fuori della Palestina per essere curati.

6. L'immediata riapertura del valico di Rafah con l'aiuto del Segretario Generale delle Nazioni Unite e con il sostegno dell'Egitto.


342/*