AhlolBayt News Agency (ABNA)

source : Parstoday
domenica

2 giugno 2024

15:42:23
1463006

Perché il mondo è in debito con Hamas?

In una situazione in cui l’Occidente continua a sostenere a titolo pieno il regime sionista che commette spudoratamente i crimini più gravi contro la popolazione indifesa di Gaza, il fronte della resistenza globale contro l’oppressione occidentale si sta miracolosamente espandendo.

Sono trascorsi quasi 240 giorni dall'inizio della guerra a Gaza che ha lasciato dietro di sé 36mila martiri e 82mila feriti. Ma nonostante cio' i sionisti non sono riusciti a raggiungere nessuno dei loro obiettivi, anzi la guerra ha portato in un certo senso il rafforzamento e la diffusione del fronte della resistenza e della lotta anti-sionista al mondo.

L'Imam Khamenei, leader della rivoluzione islamica, ha affrontato una questione molto importante nella sua lettera inviata agli studenti americani: "Io vi assicuro che la situazione sta cambiando. Tante coscienze si sono svegliate su scala mondiale e la verità è visibile. Oltre a voi studenti di decine di atenei degli Stati Uniti, anche in altre nazioni ed altre università, la gente ha deciso di destarsi".

Una presa di posizione condivisa dal segretario generale di Hezbollah libanese, Hassan Nasrallah, il quale in un suo recente intervento ha affermato che oggi il fronte della resistenza è diventato più grande, più ampio, più globale e più forte che in passato, evidenziano questo fatto. Citando il movimento degli studenti delle università americane e occidentali per protestare contro i crimini sionisti, Nasrallah ha definito il futuro definitivo del fronte della resistenza "luminoso" e "vittorioso". E poi ancora: "In questo contesto, l'unica questione è il tempo".

Oggi, mentre al Consiglio di Sicurezza dell’Onu le bozze di condanna sui crimini sionisti vengono bocciate dal veto Usa, gli studenti americani (ed anche quelli europei), ormai delusi dalla posizione dei loro rispettivi governi, scendono in piazza per far sentire al mondo il loro sostegno alla popolazione di Gaza.

Sotto la pressione dell’opinione pubblica, i governi hanno cominciato a riconoscere la legittimità dello Stato palestinese; fatto questo che indica la crescente consapevolezza globale della realtà della questione palestinese e dell’occupazione sionista. Nessuno ha risposto all'affermazione di Biden secondo cui "lo Stato di Palestina deve essere creato attraverso negoziati, non attraverso il riconoscimento unilaterale!" non presta attenzione.

L’ondata di riconoscimenti dello Stato palestinese dopo Irlanda e Spagna coinvolgerà presto altri paesi europei.

Per anni, le potenze occidentali come l’America e i paesi europei hanno mobilitato tutto il loro potere per creare una falsa legittimità e accettabilità per il regime sionista e per presentare un’immagine incivile dei principali residenti di Gaza. Le risoluzioni che condannano il regime hanno sempre subito il veto degli Stati Uniti nelle Nazioni Unite. Hollywood è da anni all’ordine del giorno della purificazione dei sionisti. Il sostegno finanziario e militare a Tel Aviv è uno dei principi fissi della politica estera degli Stati Uniti e di molti paesi occidentali, ecc. Tuttavia, il tentativo del movimento dell’arroganza di gestire l’opinione pubblica globale riguardo alla questione palestinese non sta andando come previsto.

Per molti anni, l’astratto del discorso sulla resistenza islamica, che è la riproduzione della cultura di resistenza della nazione iraniana contro la tirannia interna e l’arroganza globale, ha seriamente minacciato e indebolito gli interessi dell’Occidente e del sionismo globale nella regione dell’Asia occidentale inventando un nuovo modo di resistere.

Le componenti negative e positive del discorso sulla resistenza hanno la capacità necessaria per attrarre l’opinione pubblica di tutto il mondo. Al centro dell’aspetto negativo del discorso di resistenza c’è l’anti-dominio, e i suoi aspetti positivi più importanti sono i concetti di giustizia, diritto, pacifismo, dignità, autorità, spiritualismo e opportunità.

Secondo rapporti successivi, gruppi umanitari in molti paesi hanno adottato misure sanzionatorie contro aziende, fabbriche e istituzioni che collaborano con Israele e sono riusciti a impedire alle aziende del loro paese di cooperare con il pericoloso regime israeliano.

Il movimento palestinese e anti-dominio chiamato Hamas è stato influente nel contesto degli sviluppi nella regione del Medio Oriente e nel sistema internazionale negli ultimi decenni e ha potuto essere ampiamente discusso ispirandosi al discorso della rivoluzione islamica dell’Iran. Su questa base, il discorso del fronte della resistenza è riuscito a creare un confronto più serio con il sistema di dominazione con potere crescente. Il confronto con il sistema di dominazione in paesi come Iraq, Siria, Libano, Palestina e Yemen ha portato a un cambiamento delle sfide e alla sconfitta dell’arrogante egemonia nella regione.

La globalizzazione di questo pensiero e l’inevitabile crescita di questa consapevolezza cambieranno le tendenze globali a favore delle nazioni oppresse e a scapito degli arroganti. Quante coscienze risvegliate si schiereranno dalla parte giusta della storia e formeranno un'altra parte del fronte della resistenza.

Infine, la crescente consapevolezza e unità delle nazioni del mondo contro il grande colonialismo multidimensionale è il risultato del coraggio del gruppo di resistenza di Hamas, che ha sconvolto il gioco dei governanti e ha dato un grande contributo all’emergere più rapido di un nuovo ordine mondiale, un ordine non coloniale.