AhlolBayt News Agency (ABNA)

source : Parstoday
giovedì

13 giugno 2024

15:58:11
1465297

L’articolo è intitolato le “Elezioni in Iran potrebbero finire in un altro colpo di stato militare”, nel Paese.

Sul sito il giornale politico statunitense pubblicato a Washington, si nota un articolo firmato da Shahrazad Ahmadi, ...

in cui si tenta disperatamente di descrivere critica la situazione politica in Iran dopo l’incidente mortale dell'elicottero del presidente iraniano, il martire Ebrahim Raisi.

nella quale tenta di definire critica la situazione politica in Iran dopo l'incidente l'elicottero del presidente iraniano.

Sul sito di questa rivista è stata pubblicata la nota intitolata "Le elezioni iraniane potrebbero dare luogo a un altro colpo di stato militare" (Iran’s elections could give rise to another military coup).

L'autore, Shahrazad Ahmadi, è una professoressa associata di storia alla St. Thomas University, specializzata per gli affari in Iran e Iraq. È di origine iraniana ed scrive argomenti a favore del governo americano contro l'Iran.

Pars Today ha uno sguardo  ad alcune affermazioni dell'autore di questa nota e della pubblicazione americana The Hill.

Questa nota parte da uno strano presupposto e su questa base procede fino alla fine: "La stabilità della Repubblica islamica è decisamente in questione". L'autore di questa nota ritiene che se usa la parola "decisamente"; La premessa non dimostrata di cui sopra sarà dimostrata. Tuttavia, tutte le prove e gli indizi indicano che il trasferimento dei poteri dal governo precedente al governo attuale avviene secondo il piano e, naturalmente, sulla base della costituzione della Repubblica Islamica dell’Iran, approvata diversi decenni fa.

In un altro punto del testo si afferma che nella Repubblica islamica si sono verificati cambiamenti inattesi. Perché ora figure pro-regime competono per il ruolo di presidente. Anche se l'autore sostiene che nella Repubblica islamica si sono verificati cambiamenti inaspettati, la ragione di questa affermazione è la competizione tra figure pro-regime per la carica di presidente.

L'autore della nota sul sito di Hill probabilmente ha dimenticato che i rivali elettorali in qualsiasi sistema politico sono persone che hanno accettato la struttura politica di quel paese e competono secondo la costituzione di quel paese. La competizione che si svolge in molte parti del mondo è accesa e persino tesa, e questa procedura non indicherà in alcun modo l’urgenza della situazione per nessun sistema politico.

In un'altra parte della nota di Shahrazad Ahmadi, autore della rivista Hill, egli interpreta le personalità iraniane assassinate e martirizzate dagli Stati Uniti e dal regime sionista come vittime della Repubblica islamica e non menziona il coinvolgimento del regime israeliano e gli Stati Uniti in questi crimini. Questo tipo di atteggiamento di un autore nei confronti di un sistema politico legittimo mostra i pregiudizi e la malizia dello scrittore e del sito web che ha pubblicato questa nota.

I martiri del maggiore generale Haj Qassem Soleimani, comandante della forza di Quds, del generale di brigata Mohammad Reza Zahedi e del generale di brigata Mohammad Hadi Haji Rahimi, consiglieri militari iraniani in Siria, nonché di Sayyed Ebrahim Raisi, ottavo presidente della Repubblica dell'Iran, sono i nomi menzionati in questo testo parziale. Si sostiene inoltre che sia rimasto un solo membro chiave che potrebbe essere mantenuto da tutti, e che si tratta della Guida Suprema della Rivoluzione Islamica dell'Iran, Sayyed Ali Khamenei.

Ci si dovrebbe chiedere all'autore della nota sul sito di Hill: come possono tutti mantenere il leader quando l'unico membro chiave rimasto è lui stesso? Inoltre, si può sollevare la domanda: come mai i comandanti militari iraniani sono gli unici e il resto dei comandanti militari iraniani non sono i rimanenti membri chiave della struttura politica iraniana?

Inoltre, l'autore della nota afferma con una predizione infantile che dopo l'attuale leader della Repubblica islamica, suo figlio Sayyed Mojtaba Khamenei diventerà il leader dell'Iran. Un'affermazione impossibile, che mostra la grande ignoranza dell'autore riguardo alla struttura di selezione della leadership in Iran e alla mancanza di status politico della famiglia del leader rivoluzionario.

Alla fine di questa nota, confrontando il funerale di Sayyed Ebrahim Raisi e il funerale di Sardar Soleimani, avvenuto 5 anni prima, si afferma che a questa cerimonia hanno partecipato meno persone e secondo l'autore ciò dimostra che il capitale sociale della Repubblica Islamica è diminuito. Intanto, in alcune città come Mashhad, il funerale dell’Ayatollah Raisi è stato più affollato di quello di Sardar Soleimani.

Infine, questa nota è più di un’analisi ponderata, è una nota basata su audizioni personali, desideri e illusioni di un movimento estremista americano anti-iraniano che non ha una corretta comprensione degli eventi in Iran. Una nota che non si basa su fatti o documenti in nessuna clausola ed è semplicemente uno strumento per mostrare l'odio dell'autore e della rivista Hill contro la Repubblica Islamica dell'Iran.

Va notato che il colpo di stato militare del 1953 in Iran, noto come colpo di stato del 28 mordad 1332 (18 agosto 1953) , fu il rovesciamento del primo ministro eletto, Mohammad Mossadegh, da parte degli Stati Uniti e dell’Inghilterra, utilizzando elementi influenti nell’esercito iraniano, e per mantenere il governo reale dipendente dall'Occidente e Mohammad Reza Shah Pahlavi.