AhlolBayt News Agency (ABNA)

source : Parstoday
domenica

2 giugno 2024

15:43:12
1463008

Uno sguardo al tentativo fallito dell'editorialista del New York Times di mostrare la superiorità di Israele sull'Iran

Bret Stephens, editorialista del New York Times, in un articolo intitolato ‘Chi è più in nei guai: Iran o Israele?’ scrive alcune cose che sono semplicemente retoricche, irreali, vaghe e irrilevanti.

Stephens ha iniziato il suo articolo evidenziando due date, 1948 e 1979. Il primo è la data dell’instaurazione del falso regime israeliano da parte del colonialismo occidentale sulla terra dei palestinesi, e il secondo è l’anno del rovesciamento del regime filo occidentale di Pahlavi in Iran e l’instaurazione della repubblica islamica al posto della monarchia.

L'autore ha giustamente affermato che questi due non possono essere messi insieme in quest'area. Naturalmente non menziona la natura di questa incompatibilità: un regime rappresentativo del colonialismo e una repubblica basata sull’anticolonialismo. Uno è falso e basato sull’immigrazione di occidentali di religione ebraica, l’altro è nativo, originale e antico quanto l’altopiano storico dell’Iran. Di conseguenza, è naturale che l’Iran non sia compatibile con Israele.

Ma i problemi di Israele non riguardano solo la natura e l'originalità. Recentemente, la Corte penale internazionale ha emesso un mandato di arresto nei confronti di Netanyahu, non perché sia israeliano, ma perché è un criminale di guerra.

L'autore ritiene improbabile che i paesi del mondo arrestino il leader di un paese dotato di armi nucleari e di una potente organizzazione di intelligence.

Non è chiaro se questa affermazione dell’autore sia una minaccia o qualcos’altro, ma proprio come la resistenza di Hamas, la resistenza del Libano, la resistenza dello Yemen e anche lo stesso Iran, nessuno dei quali disponeva di armi nucleari, hanno attaccato i militari basi del regime israeliano, quindi c’è il potere di arrestare Netanyahu.

Secondo l'autore, lo scopo dell'annuncio del mandato d'arresto di Netanyahu perché criminale di guerra è quello di delegittimarlo e isolarlo a livello internazionale.

La cosa strana dell'autore è che l'editorialista del New York Times, protesta perché il nome di Netanyahu è stato messo accanto ai leader della resistenza palestinese, Hamas, e questo abbassa la posizione morale di Netanyahu e del suo ministro della Guerra. È proprio come se l'autore protestasse perché il nome di Hitler venisse menzionato accanto alle forze di resistenza francesi contro i nazisti e l'onore di Hitler è più alto.

I soldati del regime israeliano di Netanyahu hanno massacrato più di 35.000 palestinesi sulla terra palestinese.

Nel seguito della sua nota, menziona l'incidente dell'elicottero del presidente iraniano e del ministro degli affari esteri dell'Iran e afferma che la Repubblica islamica dell'Iran è stata indebolita da questo incidente.

Stranamente, l'autore condanna implicitamente i gravi rapporti di Raisi con i terroristi all'inizio della rivoluzione iraniana del 1979 e con coloro che accompagnarono l'esercito di Saddam e attaccarono il suolo iraniano, e sostiene che Raisi, conosciuto in Iran come una personalità altruista e calma, era un carattere violento.

Di seguito, l'autore dell’articolo in veste di un propagandista del movimento guerrafondaio americano afferma che la Repubblica islamica dell'Iran avrebbe l’intenzione di avere l’atomica e ora sarebbe coinvolta in una lotta per il potere. Stephens in seguito pubblica una notizia falsa secondo cui il figlio dell'Ayatollah Khamenei dovrebbe succedere al padre, mentre ciò è impossibile in base alla menzogna e secondo la procedura dell'Assemblea degli esperti iraniana. Inoltre, la potenza scientifica dell'Iran, molto più elevata di quella di un paese come il Pakistan, ha dimostrato che, se lo volesse, potrebbe facilmente realizzare bombe nucleari, armi che però attualmente non trovano posto nel piano di difesa dell'Iran.

È ancora più strano che l'autore non veda le potenti strutture della repubblica in Iran. Qualsiasi paese nella regione dell’Asia occidentale avesse perso all’improvviso il presidente e il ministro degli Esteri, sarebbe sicuramente teatro di rivolte, mentre l’Iran ha dimostrato con lo spirito forte della sua repubblica di essere in grado di poter risolvere facilmente la sfida e come possiamo osservare, sta preparando lo svolgimento delle nuove presidenziali.

Questi fanno parte degli sforzi dello scrittore del New York Times Brett Stephens per dimostrare che oggi l'Iran sarebbe in trappola e che il falso regime coloniale di Israele starebbe meglio.

Il regime israeliano, che non ha più legittimità globale, soffre di crisi economica e politica, e non è in grado di fronteggiare alle forze di resistenza addestrate dall’Iran.